Un sito Web di SUCCESSO è anche un sito Web CONFORME agli standards! Se siete in procinto di farvi realizzare un sito Web da un’agenzia esterna o dal vostro ufficio IT interno della vostra azienda, saprete che, impostare i giusti requisiti di accessibilità, vi aiuterà ad avere un prodotto finale migliore, più potente, più accessibile con una maggiore facilità di gestione per le future modifiche.

Realizzare siti web accessibili significa utilizzare quelle tecnologie che migliorano la qualità di una pagina web attraverso l’utilizzo dei fogli di stile CSS 2.0 e di linguaggio XHTML Strict 1.0 validato.

Ci sono diversi standards aperti per il web che permettono la navigazione delle pagibe web non solo a chi, visualizza le pagine con il browser più recente e un computer veloce, ma anche a chi utilizza diversi dispositivi di accesso come i telefoni cellulari, i computer palmari o gli smartphone.

Vediamo quali sono questi standards a lungo ignorati:

  • HTTP (HyperText Transport Protocol)
    Un protocollo inizialmente usato solo per “navigare sul web”, ora protocollo di messaging tramite SOAP, è un componente dei nuovi Web Services deploiati (es. Google Maps).
  • HTML (HyperText Markup Language)
    Da 12 anni presente con sviluppi e innovazioni integrate.
  • XML (Extensible Markup Language)
    Un linguaggio di soli 4 anni che è stato usato dappertutto per il quale vengono regolarmente scoperti e implementati nuovi metodi di utilizzo.

La “Legge Stanca” (L. 4/2004) approvata dal Parlamento, il 17 Dicembre 2003 prevede l’obbligo per la Pubblica Amministrazione di rendere accessibili tutti i propri siti ai disabili, con riserva di annullare tutti i nuovi contratti stipulati per la realizzazione di siti che non rispettino questi requisiti di accessibilità.

Rendere un sito web accessibile è vantaggioso perchè estende il vostro potenziale pubblico e lo rende molto piuù usabile da tutti (vedi Legge Stanca).

Requisiti per un sito web accessibile e conforme agli standars:

  1. Usare (X)HTML validato
    Significa avere un codice HTML che segue uno dei DTDs (Document Type DEfinition) delle specifiche dell’HTML.
    Significa avere un codice pulito e compatibile con i browsers di nuova generazione, quindi un valido markup come XHTML Strict in modo che il vostro sito web non mecolerà la presentazione del markup con la struttura.
  2. Usare CSS 2.0 validato
    I fogli di stile collegati permettono alla presentazione di essere distaccata dalla struttura della vostra pagina, con possibilità di variare velocemente il layout e il suo rendering.