Solo una manciata di mesi fa, quando si intendeva posizionare un sito web nei motori di ricerca, si riusciva a supplire ad una popolarità non esaltante, con delle ottimizzazioni on page, a volte anche un po’ “abbondanti”, questo perchè i motori, Google in particolare, erano molto meno esigenti in fatto di qualità e passavano sopra anche a molte “ridondanze” e forzature sulle pagine.

Ora il discorso è cambiato, non abbiamo più la possibilità di spammare troppo, infatti se forziamo la mano invece di ottimizzare otterremo il risultato contrario e sovraottimizzeremmo essendone penalizzati. Nemmeno a parlare di testi nascosti, anche se esistono diversi modi per eludere uno spider, l’occhio di un Quality Rater esperto non si frega, quindi consiglio a tutti di abbandonare idee malsane e mettere tutto in chiaro.

Piuttosto concentriamo il nostro lavoro cercando di far partire progetti basati su strutture Search Engine Friendly, abbandoniamo l’obsoleto uso delle tabelle e facciamo l’abitudine a lavorare con pagine tableless, fatte solo di div + CSS, otterremo pagine velocissime e ottimali per gli spider che dovendo risparmiare benzina, ameranno le vostre pagine.

Ma il fulcro del discorso è la Popolarità, questo parametro ha assunto, se possibile ancora maggiore importanza con l’ultimo upgrade di Google e il baricentro delle priorità in una azione di posizionamento nei motori, si è spostato tutto a favore della Link Popularity. Mai come ora, ricevere link da siti in tema è stato così importante, mai come ora questo voto datoci dall’esterno può decidere se il nostro sito rimarrà relegato nell’immobilismo o potrà essere gratificato da un buon numero di utenti.

Per ottenere dei buoni link (spontanei) il sito deve per forza offrire dei contenuti unici o se fate una cosa che fanno anche altri, la dovrete fare meglio di loro per attirare l’attenzione di altri webmasters che ritenendo quello che offrite, utile per espandere il tema del loro sito, vi daranno l’agognato link. Una ultima raccomandazione infine, non siate dei tirchioni e non pensate che al vostro sito servano solo link in entrata, anche i link che mandano dal vostro sito verso risorse esterne tematizzeranno anche voi, migliorando l’immagine complessiva che Google ne ha.

Gualtiero Santucci.