Come avrete già visto sul Web, molti siti Internet offrono la possibilità di scegliere i canali di informazione tramite i feed RSS.

Ho quindi disdetto tutti gli abbonamenti alle newsletter ai quali ero iscritto che forniscono i contenuti anche mediante i feed RSS.

Con questo, non ho scelto di isolarmi dall’informazione, ma ci sono validi motivi:

  • limitare la grande quantità di email che ogni giorno ricevo
  • poco tempo per individuarle e leggerle
  • perdita informazioni importanti causa poca attenzione

Facendo uso di una solo aggregatore RSS posso essere aggiornato in tempo reale sui canali informativi che io ho scelto.

Tuttavia anche se RSS e blog siano ormai strumenti conosciuti dalla maggior parte dei navigatori, nel mondo del web marketing non vi è molta sensibilità dei legami che colleganoquesti trumenti ad altri, come le newsletter e l’email.

rss_que_es.jpgRSS (acronimo di RDF Site Summary o anche di Really Simple Syndication) è uno dei più popolari formati per la distribuzione di contenuti Web; è basato su XML, da cui ha ereditato la semplicità, l’estensibilità e la flessibilità.

Molti lo considerano un figlio dei blog, invece l’RSS è uno standard per diffondere contenuti, sia di un blog, ma di qualsivoglia altra natura: le news di un sito, le newsletter, le offerte per un prodotto, ecc…

Purtroppo, per chi opera nella promozione delle aziende con tutti gli strumenti che il web marketing moderno offre, non è sempre facile. Non è semplice far capire ai clienti che uno strumento nuovo è, in sintesi, una nuova modalità per raggiungere i clienti.

Il blog e le newsletter sono il vero contenuto efficace dell’informazione, mentre l’RSS e l’email sono il mezzo per diffondere questi contenuti.

Il formato RSS per le news di un’azienda è importantissimo – non lo si deve considerare da subito un’alternativa all’e-mail marketing, ma per molte aziende è opportuno investire nell’RSS perchè da considerare come uno strumento supplementare.

Inserire dei contenuti in un feed RSS è un’azione molto economica e vi garantisco che investirci qualche ora e qualche persona addetta, poterà buoni frutti.

Esaminiamo in dettaglio i punti di forza del formato RSS.

Vantaggi dell’RSS per il marketing

  • è in grado di inviare contenuti al pari di una pagina web.
  • non viene bloccato o filtrato (come accade con l’email): il contenuto arriva sempre a destinazione,
  • i contenuti possono essere accessibili da diversi dispositivi come cellulari, palmari PDA, computer nelle automobili, ecc…
  • i contenuti possono essere aggregati, sia con programmi (aggregatori) sia attraverso servizi su Internet,
  • non esiste gestione delle liste opt-in e opt-out, quindi nessuna violazione della privacy dell’utente destinatario.

Vantaggi dell’RSS per il cliente

  • non è intrusivo;
  • la sottoscrizione può essere facilmente disdetta
  • l’iscrizione non richiede dati personali;
  • i contenuti saltano subito all’occhio: chi realizza i feed RSS può decidere di inviare via RSS solo il titolo, ma anche il sommario o l’intero articolo;
  • i contenuti possono essere accessibili da diversi dispositivi
  • i contenuti possono essere aggregati, sia con programmi sia attraverso servizi su Internet;
  • i contenuti godono di una maggior affidabilità di quelli dell’email;
  • i feed RSS possono essere classificati per categoria;
  • è integrato in un numero sempre maggiore di prodotti esistenti;

Buon RSS a tutti!